martedì 24 febbraio 2015

Il Budapest Memorandum è "morto



BUDAPEST MEMORANDUM


trad google 
UCRAINA Dimenticato garanzia di sicurezza dell'Ucraina: Il Budapest Memorandum Venti anni fa, l'Ucraina ha le sue armi nucleari in cambio di garanzie di sicurezza della Russia e l'Occidente. Oggi Kiev si sente tradita - e non solo da parte di Mosca.   


Fino a poco tempo, l'esistenza di un vecchio di decenni garanzia di sicurezza L'Ucraina era conosciuto solo da esperti di sicurezza e alcuni politici. Ma da quando l'annessione russa di Crimea, l'Ucraina è oggi, più che mai di ricordare che i cosiddetti Budapest Memorandum. Il documento è stato firmato il 5 dicembre 1994 in occasione del vertice dell'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE). In esso, l'Ucraina, una potenza nucleare in quel momento, volontariamente ha dato le sue armi nucleari in cambio di garanzie di sicurezza. Gli Stati Uniti, Gran Bretagna e Russia accolto la decisione del regime di Kiev di aderire al patto di non-proliferazione e impegnati, tra l'altro, per rispettare l'indipendenza e "confini esistenti" dell'Ucraina.
L'Unione Sovietica, Bielorussia e Kazakhstan hanno firmato protocolli analoghi nello stesso giorno.


L'ex presidente ucraino Kravchuk dice che il suo paese non aveva il controllo sulle armi nucleari sul suo territorio Venti anni fa, il Budapest Memorandum ha segnato la fine di molti anni di negoziati tra gli stati successori dell'Unione Sovietica e principali potenze nucleari occidentali. L'Ucraina ha avuto un posto speciale nei colloqui. Dopo il crollo dell'Unione Sovietica nel 1991, il paese europeo orientale ereditato 176 strategico e più di 2.500 missili nucleari tattici. Ucraina a quel punto ha avuto il terzo più grande arsenale di armi nucleari nel mondo, dopo gli Stati Uniti e la Russia. Ma Leonid Kravchuk, allora il presidente dell'Ucraina, ha detto che era DW solo formalmente il caso. De facto, Kiev era impotente. "Tutti i sistemi di controllo sono stati in Russia. La cosiddetta valigia nera con il pulsante di avvio, che era con il presidente russo Boris Eltsin." 


Pressione occidentale L'Ucraina avrebbe mantenuto le armi nucleari, ma il prezzo sarebbe stato enorme, dice Kravchuk. Anche se i razzi vettore sono stati prodotti nella città ucraina di Dnipropetrovsk sud, le testate nucleari non lo erano. Sarebbe stato troppo costoso per l'Ucraina per la produzione e mantenere da sola. "E ci sarebbe costato 65 miliardi dollari (53 miliardi di euro), e le casse dello stato erano vuote", ha detto Kravchuk. Inoltre, l'Occidente minacciato Ucraina con l'isolamento dal momento che i missili sono stati presumibilmente destinate a Stati Uniti. Pertanto, "l'unica possibile decisione" è stato quello di dare le armi, secondo Kravchuk. I missili ucraini erano o trasportati in Russia o distrutti. In compenso, il regime a Kiev hanno ricevuto assistenza finanziaria da parte degli Stati Uniti, forniture di energia a basso costo dalla Russia, e garanzie di sicurezza che sono stati sanciti nel memorandum di Budapest. Dopo il crollo dell'Unione Sovietica, l'Ucraina ha ereditato migliaia di missili nucleari Certo, queste garanzie erano solo una formalità, dal momento che non esistono meccanismi sanzionatori era stato stabilito a tempo. "Da nessuna parte c'è scritto che se un paese viola questo memorandum, e che gli altri attaccano militarmente , ha detto Gerhard Simon, esperto di Europa orientale presso l'Università di Colonia. Giornalista tedesco ed esperto Ucraina Winfried Schneider-Deters concorda, dicendo DW, "L'accordo non vale la carta su cui è stato scritto." La Russia respinge le accuse recentemente, nel mese di agosto, tuttavia, Kiev stavs ancora chiedendo negoziati con gli Stati firmatari in base all'accordo - senza successo. Il portavoce del ministero degli Esteri ucraino ha detto che la risposta della Russia è che non vi era alcun motivo per i negoziati. Mosca, già un paio di settimane dopo l'annessione Crimea nel mese di marzo, aveva respinto tutte le accuse di Kiev. 


L '"uscita di Crimea dall'Ucraina" è il risultato di "processi internazionali complessi," i funzionari russi hanno detto. Secondo Mosca, questo non è correlata agli obblighi della Russia nel quadro del Memorandum di Budapest. Gli Stati Uniti negano inoltre che non ha adempiuto ai suoi obblighi. "Il Budapest Memorandum non era un accordo sulle garanzie di sicurezza", ha detto l'ambasciatore americano Geoffrey Pyatt a Kiev nel mese di maggio. E 'stato un accordo per rispettare l'integrità della sovranità e territoriale dell'Ucraina. Sia la sovranità dell'Ucraina e l'integrità territoriale sono stati violati. Il Budapest Memorandum, in altre parole, è stato rispettato né dai  i russi né l'Occidente, nel caso di Crimea.  


Attuale presidente ucraino Petro Poroshenko spera ancora per una nuova agreemnt sicurezza Kiev vuole un nuovo accordo L'Ucraina sta tenendo fermo, tuttavia, al Memorandum di Budapest. Presidente Petro Poroshenko ha sottolineato tanto alla fine di novembre in un'intervista alal  emittente pubblica tedesco ARD, e precedenti, aveva anche detto che il suo paese è sta lottando per un accordo successivo. Gli esperti rimangono scettici. "Un accordo ha senso solo se la Russia sarebbe coinvolto e pronto a garantire la sicurezza Ucraina", ha detto Simon. Pensa che è improbabile. "Nel caso in cui l'Occidente firmi un tale accordo, sarebbe una piccola adesione alla NATO, anche se non formalmente,", ha detto Simon. Egli teme che né gli Stati Uniti, la Gran Bretagna o qualsiasi altro paese sarebbero pronti per questo. 
Il Budapest Memorandum è "morto". Né è un nuovo accordo in vista. Ucraina, poi, viene lasciato da sola
Schneider-Deters ritiene che l'Ucraina non dovrebbe mirare ad un accordo successivo. Invece, si dovrebbe sviluppare la propria difesa. 

"Credo che gli ucraini possono costruire una capacità di deterrenza
ha detto Schneider-Deters. Che è meglio delle "garanzie di sicurezza che non sono soddisfatte, in realtà."
Data 2014/05/12 
Autore Roman Goncharenko