mercoledì 25 febbraio 2015

Le conseguenze economiche della Grecia

THE €CONOMIC CONS€QU€NC€S OF GR€€C€‼️



La prima frase del Trattato di Roma del 1957 - il documento di fondazione di quella che sarebbe poi diventata l'Unione europea - ". Un'unione sempre più stretta tra i popoli dell'Europa" bandi di recente, tuttavia, che l'ideale è stato oggetto di minacce, minato dalla propria classe politica, che ha adottato una moneta unica, mentre del tutto trascurare le linee di faglia sottostanti. Oggi, quelle crepe sono stati esposti - e ampliato - dal apparentemente senza fine crisi greca. E da nessuna parte sono loro più evidente che nella relazione della Grecia con il Fondo monetario internazionale. Quando la crisi dell'euro è scoppiata nel 2010, i funzionari europei si resero conto che non avevano le competenze necessarie per gestire la minaccia di default sovrano e la potenziale rottura dell'unione monetaria. Per i funzionari UE, evitando il collasso della zona euro è diventato l'imperativo politico superiore, in modo che si rivolse al FMI per un aiuto. Le irregolarità di intervento risultante del Fondo attestano la gravità dei problemi della zona euro erano - e continuano ad essere. Per cominciare, gli articoli del dell'FMI richiedono di interagire solo con le entità che sono pienamente responsabili per l'aiuto ricevuto: ". Tesoro, banca centrale, fondo di stabilizzazione, o altra agenzia fiscale simile" di un paese membro, ma le istituzioni con le quali il FMI si occupa della zona euro non sono più responsabile della gestione macroeconomica del loro paese;. che il potere si trova con la Banca centrale europea in prestiti alla Grecia, è come se il Fondo aveva prestato ad una unità di sub-nazionale, come una provincia o una città governo, senza insistere su garanzie di rimborso da parte delle autorità nazionali. Un altro problema è la vastità degli interventi del Fondo. La dimensione del debito greco ha richiesto il prestito su scala molto superiore a quello che altri paesi potrebbero aspettarsi. L '"accesso eccezionale" alle risorse del FMI concessi alla Grecia nel 2010 è stato fissato a un "limite cumulativo di 600%" della quota FMI del paese, una misura di impegno finanziario di un paese al FMI. Invece, in aprile 2013, il finanziamento cumulativo è stato programmato a picco a 3.212% della quota della Grecia. Il motivo per il FMI ha dovuto prendere in tale esposizione enorme era iniziale rifiuto dell'Europa a contemplare la riduzione del debito per la Grecia, per il timore delle autorità che il contagio finanziario sarebbe sopraffare sistema bancario senza firewall della zona euro. Tale decisione ha provocato incertezza sulla capacità dell'Unione di valuta per risolvere la crisi e aggravato la contrazione della produzione greca. Quando un accordo di ristrutturazione del debito è stato finalmente raggiunto nel 2012, ha fornito una finestra per i creditori privati ​​per ridurre l'esposizione scaricando le loro pretese residue sui contribuenti. Inizialmente, il FMI ha preso la posizione ufficiale che il debito greco era sostenibile. Ma il personale dell'FMI sapeva altrimenti. Nel 2013, il Fondo ha ammesso che i suoi analisti sapevano che il debito della Grecia non era sostenibile, ma ha deciso di andare avanti con il programma "a causa del timore che ricadute dalla Grecia minaccerebbe l'area dell'euro e l'economia globale." Inoltre, da novembre 2010 a marzo 2013, il FMI ha rivisto al ribasso le sue previsioni per il 2014 il PIL nominale greco del 27%. Questo in dubbio la trasparenza e la responsabilità di proiezioni debito-sostenibilità del Fondo. L'implicazione è scioccante: il FMI è stato in grado di fornire un quadro credibile per la regolazione che la Grecia avrebbe dovuto fare. Questo fondo fornisce il contesto fondamentale per i negoziati in corso, perché rivela che l'obiettivo del piano di salvataggio greco non era quello di ripristinare la prosperità per la gente del paese, ma per salvare la zona euro. Detto questo, il nuovo governo greco è del tutto giustificata in discussione i termini che il paese è stato dato. Gli accordi precedenti amministrazioni hanno fatto certamente ridurre la gamma di politiche a disposizione del nuovo governo, in particolare per quanto riguarda la riduzione del debito, che richiederebbe un default unilaterale e il ritiro dalla zona euro. Ma un governo democraticamente eletto non deve essere vincolato da impegni dei suoi predecessori, e questo è doppiamente vero sulla scia di una elezione che era un referendum su tali politiche stesse. Ultimatum da parte delle istituzioni non elette che hanno compromesso la loro legittimazione hanno infiammato il sentimento anti-UE in tutto il continente. Il singolo peggior risultato dei negoziati in corso sarebbe presentazione della Grecia alle richieste dei suoi creditori, con poche concessioni in cambio. Un tale risultato sarebbe alimentare un maggiore sostegno pubblico per i partiti e movimenti anti-UE altrove, e costituirebbe un'occasione mancata per la Grecia e l'Europa. Tale opportunità è di default e di uscita dalla zona euro, che consentirebbe alla Grecia di iniziare correggere gli errori del passato e mettendo la sua economia sulla strada della ripresa e la crescita sostenibile. A quel punto, l'UE sarebbe saggio a seguirne l'esempio, per svelare l'unione monetaria e di fornire la riduzione del debito per le sue economie più in difficoltà. Solo allora si possono realizzare gli ideali fondanti dell'Unione europea.


fonte qui